Allevare un cucciolo è l’inizio di una magnifica amicizia

Il cucciolo non è fatto per vivere da solo, è un animale abituato a stare in branco e ora il suo branco è la vostra famiglia.

Inizialmente dovrete essere voi ad adattarvi ai suo ritmi e necessità, questo vi permetterà di conoscerlo e comprenderlo e vi darà la possibilità di abituarlo ai vostri ritmi ed esigenze pure nel rispetto dei suoi bisogni.

In questo articolo cercheremo di darvi consigli e suggerimenti per il suo inserimento, crescita, alimentazione, cura ed educazione.

Inserimento nella nuova famiglia

Al suo arrivo a casa il cucciolo dovrà conoscere sia il posto che le persone: si muoverà con timore, magari con la coda in mezzo alle zampe.

Lasciatelo fare tranquillamente e ponetevi a lui con calma ed uno alla volta. Non rincorretelo placcandolo da dietro, ma abbassatevi davanti a lui chiamandolo per nome e premiandolo con un bocconcino quando viene.

Per i primi 10 giorni di convivenza evitate, per quanto possibile, di portare il cucciolo fuori dal cancello di casa, lasciamo che conosca bene il mondo poco alla volta.

Non tenetelo sempre in braccio e se si spaventa per rumori o cose nuove, tranquillizzatelo accarezzandolo sul petto e non sulla testa.

Crescita e alimentazione

Il cucciolo fino ai 6 mesi mangia 3 volte al giorno crocchette “puppy” con le quantità indicate nel sacco in funzione del peso che avrà da adulto.  Solitamente circa 70 grammi per 3 volte per un totale di 210 grammi al giorno.

Quantità che andranno aumentate gradualmente ogni settimana o ogni 15 giorni, ma solo se necessario per aiutare la sua crescita naturale, tenendo sempre presente la sua struttura fisica (niente pance grosse o schiene quadre).

Nei primi giorni potrà mangiare poco, ma appena si sentirà sicuro tutto migliorerà e comunque possiamo aiutarlo inumidendo le crocchette con poca acqua tiepida.

Nel primo anno di vita è meglio utilizzare crocchette di qualità indicate per cuccioli in accrescimento (puppy), evitando di variarle a nostro piacere … il cane al contrario dell’uomo è abitudinario e mangia sempre lo stesso alimento.

Dovendo fare un cambio, effettuarlo in maniera graduale: togliere 1/3 del vecchio alimento e sostituirlo con il nuovo nell’arco di una settimana.

Potete integrare una volta alla settimana scegliendo tra: una mozzarella, uno yogurt magro oppure un uovo bollito per un paio di minuti con guscio.

EVITATE di dargli gli scarti della tavola, almeno nel primo anno di vita, ma sopratutto NIENTE DOLCI o SALATO.

EVITATE tassativamente la cioccolata ed i suoi derivati, per il cucciolo sarebbero LETALI.

Cura ed educazione

Abituate il cucciolo ad essere manipolato, toccato, guardategli spesso in bocca alzandogli la testa ed aprendo dolcemente la mascella.

Ricordiamoci che il cucciolo ha bisogno di dormire a piacimento più volte al giorno, quindi evitate di disturbarlo quando dorme.

I bambini devono giocare con lui, ma non come se fosse un pupazzo.

Il cucciolo non ha ancora i prerequisiti per controllare da solo le funzioni intestinali, per cui sporcherà dove gli capita.

Aiutiamoci con i giornali o, meglio ancora, accompagnandolo fuori appena si sveglia o dopo mangiato, con costanza capirà.

NON PICCHIATE MAI il cucciolo, otterrete solo di intimorirlo e basta. Utilizzare il NO come parola d’ordine per fargli capire che quello che sta facendo è sbagliato ed eventualmente rafforzandolo sbattendo sulla mano un giornale ripiegato.

Premiare sempre e subito il cucciolo se al nostro NO, si arresta e smette di fare la cosa sbagliata (rinforzo positivo), in modo che capisca che il non fare una certa cosa gli porta un premio.

Per i primi 4 mesi di vita è meglio evitare di fargli il bagno, per pulirlo utilizzate un panno inumidito con acqua tiepida oltre alla normale spazzolatura.

Controllate sempre che l’interno delle orecchie risulti pulito, in caso contrario il veterinario saprà indicarvi i giusti rimedi.

Rivolgetevi sempre a lui anche per tenerlo vaccinato, sverminato e per la prevenzione della filaria.

Se decidete di portarlo all’estero informatevi in tempo presso il vostro veterinario per potergli fare le ulteriori vaccinazioni richieste.

Nei primi 6 mesi di vita, per andare a passeggio con lui, NON utilizzate la pettorina ma un semplice collare, su internet si trovano anche collari artigianali personalizzati e comunque MAI con il cane libero.

Giocando con lui non fatelo saltare solo sulle zampe posteriori, perché le articolazioni sono ancora fragili: portatevi al suo livello ed il gioco è fatto (sarà lui a farvi giocare).

Non costringetelo a corse forzate sino a che non avrà finito di crescere.

Evitate le scale, specialmente in discesa, sarà lui a dimostrarvi quando si sentirà sicuro di farle.

Non lasciate che il cucciolo si muova liberamente nell’auto mentre viaggiate: abituatelo all’uso del trasportino, lui sarà più tranquillo e voi più sicuri. Esistono anche delle cinture di sicurezza per loro.

In viaggio non tenete il finestrino della vettura abbassato perché a lui piace stare con il naso fuori, è sbagliato, si corre solo il rischio di farlo ammalare di otite.

Non ci sono cani stupidi, ignoranti o vandali!
Siamo noi che giorno dopo giorno costruiamo e modelliamo il suo carattere, non dimentichiamolo mai:

AMORE + PAZIENZA + COSTANZA + RISPETTO + EDUCAZIONE

E lui ci ripagherà con la stessa moneta!