ROSEMADE KILKENNY (HOPE)

Tutte le razze canine derivano dal lupo, fanno quindi parte della stessa specie.

Il rapporto uomo-cane inizialmente concepito per soddisfare bisogni quali il lavoro e la difesa, oggi il cane serve per soddisfare esigenze affettive.

Il cane fa parte degli animali sociali a differenza del gatto che è invece un animale a-sociale il cane vive in branco e il branco è necessario per la sua sopravvivenza.

Il cane è in grado di accogliere nel suo branco anche animali di specie diversa, non a caso anche l’uomo o gatti che abitano nella stessa casa diventano facenti parte dello stesso branco.

Tra i soggetti del branco si crea un vincolo, un legame che esalta le potenzialità del singolo quando è in relazione con gli altri appartenenti al branco.

La gerarchia del branco è una scala dove ogni soggetto occupa un gradino, il cane deve occupare sempre il gradino inferiore nella scala gerarchica se vogliamo che la convivenza con lui sia semplice non dobbiamo mai permettere al nostro cane di essere lui il capo-branco.

Per diventare un capo-branco l’uomo deve assumere determinati comportamenti, deve essere riconosciuto come tale dal suo cane, deve essere un leader, una guida.

Il capo branco non è un tiranno, non impone, non costringe e non mortifica, il leader  è colui che coinvolge, che sceglie la tutela del branco, che ha un comportamento coerente.

Ciò significa che darà la stessa risposta al medesimo stimolo.

Dobbiamo essere determinati se vogliamo che il nostro cane ci riconosca come capo-branco.

Perché il nostro cane deve occupare l’ultimo gradino della scala gerarchica? Perché solo così potremo insegnargli le regole del nostro mondo e solo così potremo controllare la sua aggressività.

Lezione Gruppo Onlus Verona – Docente Istruttore cinofilo Sig.ra Vettore Cecilia – Etologia Canina

Il Labrador e l'aggressività

La caratteristica di tutti gli esseri viventi è quella di essere portatori di un progetto: la continuità della specie.

Vi sono due tipi di aggressività: l’aggressività intraspecifica e quella interspecifica.

La prima si manifesta nei soggetti appartenenti allo stesso branco, la seconda tra soggetti di specie diverse.

Dalle 3 alle 8 settimane i cani imparano meglio ad interagire con altri cani (socializzazione primaria intraspecifica).

Dalle 5-8 fino alle 12 settimane i cani imparano meglio ad interagire con le persone e le altre specie animali (socializzazione secondaria interspecifica).
Continua a leggere

Il cane a 7 mesi ha la bocca cosidetta “fatta”, i denti nascono da latte nascono a 20 giorni e cadono dopo circa 4 mesi, gli ultimi a cadere sono i canini. Il cane adulto ha 42 denti. Lo stomaco è semplice e molto sviluppato, l’intestino è breve e poco voluminoso.

Quando il cane vomita spesso vomita giallo, questa è la bile che serve per la digestione dei grassi. Non dobbiamo prendere paura, però se è di questo colore non è che sia sintomo di una patologia particolare.

Il 70% del peso del cane grava sulla parte anteriore anche se non sembrerebbe.  Molti dei problemi veterinari sono dati dal sovrappeso del cane che va a gravare sugli arti anteriori (gomiti) e sopratutto per il cibo industriale (crocchette o umido) che sono incompatibili con la natura di un carnivoro, anche se vi fanno credere l’opposto.

La sterilizzazione

Da un punto di vista medico la risposta è “Sì” soprattutto per le femmine se non sono da riproduzione.

Si consiglia di sterilizzare tra il primo e il secondo calore: si vanno a prevenire così le gravidanze isteriche, si prevengono varie patologie mammarie (tumori), tumori alle ovaie o infezioni nell’utero (piometra).

È vero che la femmina ingrassa se la sterilizziamo?

Sì soprattutto se lo facciamo quando la femmina è ormai in età adulta. I maschi hanno delle patologie legate al testosterone, problemi alla prostasta sono all’ordine del giorno nei cani anziani non sterilizzati.

Le femmine possono avere gravidanze isteriche, cisti ovariche, tumori alle mammelle o all’utero e piometre quindi è sempre consigliata la sterilizzazione tra il primo e il secondo calore.

Quando va sterilizzato un maschio? In un cane adulto, si devono fare prima degli esami del sangue e un controllo cardiologico ma non è pericoloso.

Cure dentali: ogni giorno i denti del cane andrebbero spazzolati soprattutto sui cani di piccola taglia dove si deposita la placca.

Può esserci piorrea, infezioni. Si devono usare spazzolini a ditale o uno straccetto e sfregare nelle arcate dentarie all’esterno, però va fatto una volta al giorno.

Ottimo è usare un osso di ginocchio di bovino per aiutare il cane a tenere puliti i denti (evitare stick industriali e i famosi ossi di pelle di bufalo pericolosissimi)

Pulci: sono dei parassiti fastidiosi che creano prurito sull’animale, succhiano il sangue del cane. Si deve controllare se si gratta, se si mordicchia o si trovano le feci. Usate un panno bianco e spazzolate con la mano, se cadono le cacche delle pulci lo potete vedere perché se bagnate il panno si vedono dei punticini rossi.

La tenia: è chiamato verme solitario, è generata dalle pulci. Il 70% delle allergie sono dovute alle pulci, si creano dermatite varie. La prima cosa da fare è un trattamento per le pulci, poi se la dermatite non passa si passa all’alimentazione, e poi per ultima atopia. Spesso l’errore grossolano è quello di lavare prima il cane e poi mettere la fiala, non bisogna farlo perché le fiale sono soluzioni alcoliche.

Fiale tra le scapole o spray? E’ meglio lo spray perché lo possiamo mettere su più fronti. Oltre al cane dobbiamo trattare anche la casa, ne esiste uno in commercio che è talmente potente che dobbiamo uscire di casa per un paio d’ore però uccide tutti i parassiti.

Zecche: possono essere veicoli di molte malattie, sopratutto in ambienti boschivi ed erbosi. Si possono usare repellenti, vanno bene quelli che si usano per le pulci sopratutto durante l’estate. Se viene rimossa prima delle 24 ore non riesce a trasmettere malattie. Non serve mettere alcool o cose varie che possono peggiorare la situazione.

L’unica cosa è rimuoverla con un fazzoletto di carta e svitarla dalla pelle del cane girando in senso orario o antiorario (karlie è la ditta che produce un arnese per togliere le zecche). I cuccioli vanno sverminati ogni 15 giorni per quanto riguarda i parassiti interni.  Per i primi 3-4 mesi di vita.

Zoonosi: malattie in comune trasmesse e condivise tra gli esseri umani e gli animali. E’ più probabile che un essere umano si ammali attraverso  un altro essere umano che da un cane.

Il possesso di animali da compagnia assicura molti vantaggi, quali la diminuzione di depressione e  basta veramente il buon senso per evitare la trasmissione di malattie dagli animali a noi.

L’utilizzo dei Labrador come cani guida è sempre più frequente questo per la capacità di tale razza di essere estremamente duttile, non aggressivo e con una capacità di apprendimento e adattamento assai notevole.

Inoltre, il Labrador a differenza di altre razze come ad esempio il pastore tedesco non ha alcuna paura … certo esistono le eccezioni però normalmente un cucciolo di labrador giocando affronta qualsiasi tipo di ostacolo.

La cosa più importante è che mai e poi mai va accarezzato un Labrador quando vediamo che ha paura per esempio di un oggetto, la cosa più saggia da fare è toccare noi per primi l’oggetto incoraggiandolo quindi ad affrontare senza paura la situazione, non servono quindi a nulla paroline e coccole del tipo “dai amore vieni non aver paura”.

Continua a leggere