Prenotazione cucciolo

Come prentare un cucciolo MyLabrador’s

MyLabrador’s è un Allevamento Professionale per la selezione del Labrador Retriever nei 3 colori (GIALLO, NERO e CHOCOLATE), riconosciuto sia dall’ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) che dalla FCI (Federazione Cinologica Internazionale), con autorizzazione sanitaria IT022FC037 rilasciata dalla ASL della Regione Emilia-Romagna.

A causa delle tante richieste che riceviamo ogni giorno, i tempi di attesa per un nostro cucciolo possono essere molto lunghi da 6 a 12 mesi; per nostra scelta non alleviamo a batteria cucciolate ogni mese.

Per nostra, deliberata, “scelta etologica” tutti i nostri cuccioli possono essere adottati non prima della 12° settimana di vita (90 giorni) con il percorso completo di socializzazione e ciclo vaccinale (3 vaccinazioni).

Spesso chi cerca un cucciolo di Labrador lo vorrebbe subito (qui non li trovate MAI subito, non siamo una fabbrica): gli acquisti di “pancia” spesso non sono mai ben ragionati, serve tempo per conoscere come lavora un allevamento e tempo per capire come gestire e alimentare bene un cucciolo durante la sua crescita ed essere consapevoli dell’uso corretto di antiparassitari e vaccini.

La prenotazione del cucciolo non è vincolante e non richiede nessun impegno economico ma garantisce un ordine di priorità sulle tante richieste.

La prenotazione verrà confermata solo dopo una visita in allevamento per poterci conoscere e potervi spiegare la nostra filosofia di allevameno, per conoscere la futura mamma del vostro cucciolo, osservarla, studiare il carattere e vedere dove vivono.

Maschio Chocolate "Play Mor Itz No My First Rodeo"

Certificazioni dei genitori

Documentazioni ufficiali per patologie

DNA depositato in ENCI

controlli ufficiali per displasia dell’anca (HD) e del gomito (ED)

test genetico per mielopatia degenerativa (DM)

test genetico per miopatia ereditaria (CNM)

test genetico per collasso indotto da sforzo (EIC)

test genetico per paracheratosi nasale ereditaria (HNPK)

test genetico per atrofia retinica progressiva (prcd-PRA)

test genetico per displasia retinica (OSD)

test genetico per nanismo (SD2)

test genetico per colore del mantello (Locus).

Tutti i nostri cuccioli, indipendentemente dal colore e/o sesso, sono da considerarsi “da compagnia” (salvo diversi accordi; e.g. show; riproduzione).

Siamo estremamente attenti alla selezione del futuro proprietario (singolo e famiglia), del loro stile di vita e del contesto in cui andrà a vivere un nostro cucciolo.

Ciò, al fine di valutare la compatibilità e la sostenibilità dell’impegno richiesto per la gestione di un cucciolo (e futuro cane). A tale scopo deve trattarsi di persone da noi ritenute idonee a prendersi cura ed a convivere a stretto contatto con un cucciolo.

Non discriminiamo nessuno: l’obiettivo è solo “ottimizzare” la qualità della convivenza del binomio “umano-cane” (nell’interesse sia della famiglia che dei nostri cuccioli).

Come avviene la scelta del cucciolo

Ricordiamo che la prima scelta è sempre dell’allevamento nel caso di un soggetto molto promettente alla riproduzione/expo.

La scelta del cucciolo non è semplice ma un allevatore riuscirà a consigliare il cane giusto alla persona o famiglia giusta; nessuno può conoscere bene i cuccioli come colui che li ha visti nascere, svezzati e cresciuti.

All’inizio i cuccioli sono tutti uguali ma verso i 45/50 giorni ogni soggetto avrà caratteristiche uniche e distinguibili a livello morfologico e caratteriale che continueranno a cambiare: per questo motivo cediamo cuccioli solo dopo 90 giorni (3 mesi).

Questa scelta ovviamente comporta molte più spese, tempo e sacrifici rispetto a chi li cede a soli 60 giorni.

Molto spesso viene chiesto all’allevatore una priorità di scelta ma risulta difficile da parte di un occhio non allenato distinguere un soggetto da un altro e complicata anche la scelta caratteriale.

Spesso il cucciolo che si avvicina per primo viene etichettato come quello più vivace in realtà magari il più vivace ha appena finito di giocare e dorme beato all’angolo della cassa parto e il più timido si pensa sia quello che non si avvicina, ma non sempre è così.

Altra caratteristica “fondamentale” per la scelta è la grandezza. Il cucciolo più grande è sempre quello più ambito e desiderato, quello più piccolo è quello da evitare. Invece spesso accade che il piccolo diventa il più corretto morfologicamente ed il grande il più grossolano.

Questo per dire che l’ideale per scegliere un cucciolo è confrontarsi sempre con l’allevatore e possibilmente seguire i suoi consigli.

Altra cosa importante, più dei cuccioli (che sono sempre belli) guardare i genitori (entrambi se possibile anche se molto spesso lo stallone si trova in un altro allevamento) e ricordarsi che l’obiettivo di chi alleva è sempre quello di allevare soggetti migliori dei genitori; quindi se già i genitori sono di qualità la scelta dei cuccioli potrà essere fatta quasi “a occhi chiusi”.