Cos’è l’osteosarcoma appendicolare? L’osteosarcoma è un tumore osseo comune, aggressivo e invasivo nei cani.

Le razze ad aumentato rischio di sviluppare l’osteosarcoma includono Doberman Pinscher, Pastore Tedesco, Golden Retriever, Alano, Setter Irlandese, Rottweiler e San Bernando.

Sebbene sia spesso diagnosticato in cani di razza più grande (dai 7 ai 10 anni), di taglia grande o gigante, può colpire cani di qualsiasi taglia, razza o età.

L’osteosarcoma si trova in molte aree del corpo, ma appare più comunemente nelle regioni dello scheletro appendicolare, le ossa portanti dello scheletro che sostengono gli arti, come quelle che circondano la spalla, il polso e il ginocchio.

Gli arti anteriori sono colpiti più spesso degli arti posteriori. I tumori distruggono l’osso localmente e possono diffondersi ai polmoni più rapidamente rispetto ad altri tumori dell’osso canino.

  • L’osteosarcoma appendicolare è un comune tumore osseo nei cani.
  • Colpisce più comunemente i cani di taglia grande
  • È associato ad un alto tasso di diffusione del tumore (metastasi), spesso ai polmoni
  • Il trattamento di solito richiede un intervento chirurgico per rimuovere il tumore. Ciò può comportare l’amputazione della chirurgia dell’arto interessato o il salvataggio dell’arto, seguita dalla chemioterapia
  • Nella maggior parte dei casi, i tumori si presentano spontaneamente, senza causa identificata

Quali sono i segni clinici dell’osteosarcoma appendicolare?

La maggior parte dei cani con osteosarcoma appendicolare ha una storia di zoppia degli arti che non migliora o migliora solo transitoriamente con i farmaci per il dolore.

Gli arti possono anche presentare gonfiore. In alcuni casi, possono verificarsi fratture a causa dell’indebolimento dell’osso. Una massa dura e dolorosa può essere presente nel sito interessato.

Se il tumore si è diffuso (in metastasi) ai polmoni, si possono osservare debolezza generalizzata, gonfiore di tutti e quattro gli arti e difficoltà respiratorie.

Come viene diagnosticata l’osteosarcoma appendicolare?

Il primo passo nella diagnosi dell’osteosarcoma e di altri tumori ossei primari è di effettuare radiografie dell’arto interessato. Nella maggior parte dei casi, questo può aiutare ulteriormente la diagnosi e dare un’idea di quanto sia sicuro che sia presente un tumore osseo.

Tuttavia, non fornisce una diagnosi sicura al 100%. Un attento esame fisico è anche importante per valutare la salute generale del cane.

Verranno prese radiografie del torace del cane per vedere se il tumore si è diffuso ai polmoni. È importante scoprire se il tumore si è diffuso ai polmoni, poiché le opzioni di trattamento e la prognosi sono molto diverse se si è verificata metastasi polmonare.

Nelle fasi diagnostiche iniziali, è possibile aspirare linfonodi locali ed eventuali masse cutanee oppure eseguire un’ecografia addominale.

Un altro test diagnostico che può essere eseguito è una scansione ossea. Questo esame, che richiede una degenza in clinica, aiuterà a determinare se il tumore si è diffuso ad altre ossa e quanto dell’osso in cui si trova il tumore primario è interessato.

Per ottenere una diagnosi definitiva, è necessario aspirare il tumore con un ago guidato da ultrasuoni o eseguire una biopsia ossea al fine di identificare il tipo di tumore, sotto sedazione o anestesia.

Esiste spesso una grande quantità di reazione ossea associata a questo tipo di tumore, quindi può essere difficile ottenere un campione adeguato delle cellule tumorali effettive.

Vengono anche prelevati solo piccoli campioni per minimizzare la diffusione delle cellule tumorali lungo il percorso della biopsia ed evitare la frattura dell’osso. Per questi motivi, la procedura di biopsia non sempre produce un campione sufficiente per la diagnosi.

Sebbene le biopsie ossee vengano eseguite con la massima cura, esiste sempre un piccolo rischio di frattura dell’osso. Questa procedura non viene eseguita se la diagnosi esatta non è importante per iniziare il trattamento.

Come viene trattato l’osteosarcoma appendicolare?

Il trattamento dell’osteosarcoma appendicolare canino di solito richiede un intervento chirurgico per rimuovere il tumore. Ciò può comportare l’amputazione dell’arto interessato o la chirurgia di salvataggio dell’arto seguita da chemioterapia.

A parte la possibilità che il tumore si diffonda, questo è doloroso e una volta che ha distrutto abbastanza dell’osso, anche le normali attività come camminare o correre possono causare la rottura dello stesso. Il trattamento standard per un osteosarcoma è l’amputazione dell’arto interessato.

La maggior parte dei cani guarisce abbastanza bene da questa procedura.

I cani che hanno altri problemi ortopedici o obesi potrebbero essere maggiormente a rischio. In questo caso, può essere eseguita una procedura di risparmio degli arti in cui il tumore viene rimosso e l’osso viene sostituito con un altro osso del cane o un impianto protesico.

La disponibilità di questa procedura dipende dalla posizione e dalle dimensioni del tumore. A causa dell’elevato tasso di complicanze, l’amputazione può eventualmente diventare necessaria.

La chemioterapia è un’importante fase di follow-up nel trattamento dell’osteosarcoma. Sebbene non vi siano prove chiare della diffusione del tumore, si stima che oltre il 90% dei cani con questo tipo di tumore abbia una diffusione microscopica prima di eseguire procedure di amputazione o di risparmio degli arti.

Sebbene la chemioterapia non abbia dimostrato di essere molto efficace nel trattamento dell’osteosarcoma quando vi sono segni visibili di diffusione, è molto efficace nel trattamento della malattia microscopica. Il protocollo di solito richiede sei trattamenti a distanza di tre settimane.

Se le procedure di amputazione o di risparmio degli arti non sono possibili, la radioterapia palliativa è un approccio alternativo. Sebbene in genere non aumenti il tempo di sopravvivenza di un cane, allevia il dolore causato dal tumore in circa il 75% dei cani trattati.

La radioterapia richiede un trattamento a settimana per quattro settimane, somministrato mentre il paziente è in anestesia generale. Di solito questo viene fatto in combinazione con altri farmaci per alleviare il dolore.

Qual è la prognosi dell’osteosarcoma appendicolare?

La chemioterapia come trattamento di follow-up di amputazione o procedure di risparmio degli arti aumenta l’aspettativa di vita media a circa un anno. Entro due anni, il 10-20% dei cani che hanno ricevuto la chemioterapia sembra essere guarito.

La maggior parte dei cani tollera molto bene la terapia e presenta pochi effetti collaterali. Il tempo di sopravvivenza medio con sola amputazione è di circa tre mesi.

Nel caso in cui il cane viene diagnosticato in giovane età o il tumore è già in metastasi hanno prognosi più scarse.

Purtroppo l’osteosarcoma non si può prevenire. Nella maggior parte dei casi, i tumori ossei si presentano spontaneamente, senza causa identificata.