Amazon's Hippolyte z GHM

In questo articolo parleremo della terapia con concentrato piastrinico nel cane (PRP).

Nei soggetti affetti da osteoartrosi confermata da radiografie, sopratutto nelle patologie articolari di spalla, displasia del gomito e dell’anca è molto utile il trattamento con il plasma arricchito di piastrine, chiamato PRP (Platelet-Rich Plasma).

Questo trattamento è molto diffuso in campo sportivo, molti professionisti come calciatori, pallavolisti, cestisti ne fanno uso da anni per recuperare lesioni e problemi articolari.

Tuttavia è una terapia molto valida anche su razze come il nostro amato Labrador Retriever grazie alla produzione e l’inoculazione del plasma arricchito con una procedura che richiede un tempo molto breve.

Dopo la sedazione del soggetto viene eseguito un semplice prelievo di sangue venoso tramite un sistema a doppia siringa.

La successiva separazione del plasma avviene tramite una particolare centrifuga che consente di ottenere il plasma arricchito di piastrine che verrà immediatamente iniettato nelle articolazioni che si intende trattare.

Il tutto viene eseguito tenendo fede ai più alti standard di prevenzione di infezioni, anche grazie al particolare metodo “double syringe” che consente all’ortopedico di raccogliere il plasma arricchito in un sistema assolutamente chiuso.

Quest’ultimo, se usato in maniera corretta, rende questa procedura priva di rischi correlati a contaminazioni esterne ed assolutamente sicura per la salute del nostro Labrador.

Il tuo Labrador soffre di osteoartrite?

Il plasma ricco di piastrine offre una terapia cellulare sicura e naturale per alleviare il dolore di malattie articolari o lesioni, promuovere la guarigione e ridurre i tempi di recupero usando il sangue stesso del cane.

Questa semplice procedura può essere eseguita in clicnica richiedendo solo una giornata.

Molto spesso si utilizza questo trattamento su cani con lesioni articolari molto vecchie per essere sottoposti a chirurgia, come terapia aggiuntiva e per il trattamento di condizioni non chirurgiche come traumi e lesioni articolari.

I soggetti che possono trarre beneficio dalla terapia con plasma arricchito sono quelli che hanno subito

  • TTA (osteotomia ed avanzamento craniale della tuberosità della tibia)
  • TPLO (osteotomia livellante del piatto tibiale)
  • soggetti con displasia dell’anca
  • soggetti che hanno subito un’intervento chirurgico al gomito e hanno complicazioni o scarso recupero
  • sogetti con lesioni articolari non operabili per anzianità

Cosa sono le piastrine?

Le piastrine sono un componente cellulare simile al sangue e sono principalmente responsabili dello sviluppo di coaguli. Le piastrine contengono anche una notevole gamma di fattori di crescita coinvolti nella guarigione.

Un insieme di fattori di crescita derivati ​​dalle piastrine (PDGF: Platelet-Derived Growth Factor) sono la β-tromboglobulina, il fattore di crescita dei fibroblasti, il fattore di crescita insulino-simile (IGF-1 insuline-like growth factor), il fattore di crescita epidermica e il fattore di crescita endoteliale vascolare.

Questi fattori di crescita sono principalmente responsabili del reclutamento e della differenziazione delle cellule progenitrici che promuovono l’angiogenesi, la crescita di nuovi tessuti e reintegrano la matrice extracellulare.

Da quanto tempo esiste il concentrato piastrinico nel cane?

La terapia piastrinica è stata utilizzata dai primi anni ’70 nella parodontologia per il trattamento della gengivite grave e nella chirurgia maxillo-facciale per costruire la massa ossea nella mascella in preparazione per gli impianti dentali.

Da allora, l’uso di piastrine dal sangue dei pazienti è stato impiegato nel trattamento di danni ai tendini e ai legamenti, recentemente reso popolare dal suo uso nello sport professionistico.

Terapia piastrinica: plasma ricco di piastrine

Il nome più comune per la terapia con concentrato piastrinico (PRP) è “plasma ricco di piastrine”, o PRP. Vale la pena notare che il termine “PRP” ha due usi nella letteratura medica.

Tradizionalmente, il PRP viene utilizzato dalle banche del sangue per descrivere un prodotto di sangue intero che è stato trasformato in piastrine e plasma e destinato alla trasfusione.

Le piastrine in questo prodotto sono concentrate solo a livelli circa il doppio rispetto a quelli presenti nel sangue intero circolante.

Questo non è il “PRP” utilizzato nella terapia piastrinica.

Il “PRP” utilizzato come terapia piastrinica in odontoiatria, ortopedia e medicina dello sport è un prodotto che concentra le piastrine da 3 a 8 volte al di sopra dei livelli presenti nel sangue intero.

Questi prodotti sono prodotti mediante centrifugazione e possono comprendere globuli bianchi e rossi insieme a piastrine e plasma.

Le componenti della terapia piastrinica

La maggior parte delle terapie piastriniche sono milioni di cellule, parti cellulari e costituenti del plasma.

Sebbene non vi sia accordo su quale sia la migliore composizione del prodotto per una determinata indicazione, l’unica cosa che tutte le terapie piastriniche hanno in comune è la concentrazione di piastrine.

Piastrine

Le prove attuali suggeriscono che le concentrazioni piastriniche almeno 3 volte al di sopra dei livelli naturali forniscono trattamenti efficaci.

Vi sono alcune prove che suggeriscono che concentrazioni estreme, circa 10 volte o più, potrebbero essere meno efficaci in alcune applicazioni.

È importante notare che i preparati con concentrazioni piastriniche uguali possono differire nella quantità di fattori di crescita che erogano a seconda dello stato di attivazione delle piastrine.

Globuli bianchi (globuli bianchi)

Alcuni preparati piastrinici contengono globuli bianchi e quelli che a volte concentrano i globuli bianchi a livelli superiori a quelli riscontrati nel sangue intero circolante.

Vi sono prove crescenti che i gel piastrinici riducono il rischio di infezioni post-operatorie, in particolare nella chirurgia toracica, ed è possibile che i globuli bianchi in questi preparati contribuiscano alla risposta.

Altri sostengono che il WBC potrebbe essere dannoso, rilasciando citochine che potrebbero esacerbare l’infiammazione.

Tuttavia, i globuli bianchi sono anche la fonte primaria della proteina dell’antagonista del recettore dell’interleuchina-1, un potente antinfiammatorio e la proteina utilizzata nella terapia IRAP ™.

Globuli rossi (globuli rossi)

Pochissimi preparati piastrinici concentrano effettivamente i globuli rossi, ma molti preparati li contengono.

La maggior parte dei medici non è infastidita dalla presenza di globuli rossi, ma alcuni preferiscono che vengano rimossi, ritenendo che i globuli rossi possano contribuire al dolore nel sito di iniezione.

Le segnalazioni sporadiche di dolore nel sito di iniezione utilizzando preparati che non contengono globuli rossi suggeriscono che gli incidenti potrebbero essere correlati all’anti-coagulante citrato, un agente con un’incidenza bassa, ma ben documentata, di causare dolore nei prelievi e iniezioni di sangue.

Dall’altro lato della discussione sui globuli rossi, alcuni hanno sostenuto che l’ADP nei globuli rossi può aiutare a mediare un rilascio prolungato di fattori di crescita piastrinica nella zona di iniezione.

Agonisti opzionali per aiutare la formazione di coaguli di fibrina

La maggior parte dei preparati piastrinici può essere modificata per includere coaguli di fibrina, ma la decisione di farlo è specifica per l’applicazione.

Ad esempio nella ricostruzione ossea, i chirurghi preferiscono i preparati piastrinici che sono abbastanza spessi da modellarsi nel sito di trattamento e rimanere lì. Alcune terapie piastriniche offrono agonisti proprietari per queste applicazioni che si aggiungono alla struttura del preparato, come chip ossei modificati o matrici di calcio.

Per ovvi motivi, queste modifiche strutturali non sono raccomandate per iniezioni intra-articolari.

Quali sono i rischi del PRP?

In uno studio pilota su 60 cani trattati con PRP, non sono state segnalate reazioni avverse.

Inoltre, l’uso della terapia piastrinica basata su filtro nei cavalli per danni ai legamenti supera i 2.500 casi senza un singolo incidente indesiderato correlato alla somministrazione della terapia piastrinica.

Qual è la probabilità di successo del trattamento?

I dati pilota suggeriscono che i cani di età inferiore a 10 anni con zoppia significativa mostrano la migliore risposta, con il 91% di loro che sperimenta un miglioramento clinicamente convincente della zoppia quando valutato sia dai proprietari di cani che dai veterinari.

I primi cani trattati nel programma pilota PRP hanno conservato i benefici per oltre 1 anno.

Cosa è coinvolto nella procedura?

Il cane viene sedato o anestetizzato, il sangue viene prelevato e filtrato per intrappolare le piastrine, quindi le piastrine vengono recuperate mediante flusso inverso utilizzando una soluzione di eluizione proprietaria.

Successivamente, viene inserito un ago nell’articolazione interessata, il liquido sinoviale viene aspirato per confermare la posizione e la terapia viene somministrata fino a quando non si avverte resistenza nell’articolazione.

Il volume somministrato può variare da 1 a 5 ml a seconda del cane, dell’articolazione e dell’entità della malattia. Questa procedura viene eseguita come una procedura giornaliera in clinica.

Quanto tempo richiede il trattamento?

L’intera procedura richiede in genere da 30 a 40 minuti. Le azioni includono sedazione (5 minuti, l’anestesia richiede più tempo), prelievo di sangue (5 minuti), filtrazione e recupero (15 minuti) seguiti dalla posizione dell’articolazione, aspirazione e iniezione (5 minuti).

Esiste un regime post trattamento?

Alcuni veterinari chiedono ai proprietari dei loro clienti di limitare al minimo il movimento al guinzaglio per il primo giorno o due; dopodichè possono riprendere un comportamento senza restrizioni che soddisfi le esigenze del soggetto.

Ovviamente i soggetti trattati con questo trattamento non dovrebbero essere costretti a correre per le prime due settimane.

Come si sentirà il cane dopo il trattamento?

Alcuni cani hanno mostrato disagio che può essere trattato con ghiaccio per i primi 20 minuti dopo la procedura. Se necessario, un analgesico orale può essere utilizzato il primo o due giorni dopo il trattamento.

Quanto tempo ci vuole per riprendersi dal trattamento e vedere i benefici?

La maggior parte dei proprietari riferisce di vedere benefici entro i primi giorni. Alcuni proprietari ha notato una ricaduta lieve o moderata dei sintomi circa 2 settimane dopo il trattamento prima di vedere un beneficio prolungato dal trattamento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *