Ereditarietà autosomica recessiva: geni recessivi e dominanti

Molti problemi di salute nei cani possono essere attribuiti a una condizione genetica alterata ereditata dai genitori. I geni, o sequenze uniche di materiale del DNA, sono il modo in cui queste condizioni genetiche vengono trasmesse dai genitori alla prole.

Le specie canine hanno un totale di 78 cromosomi e tutti i cani, indipendentemente dalla razza, hanno cromosomi simili abbastanza grandi da poter essere effettivamente osservati al microscopio.

Sappiamo anche che ogni cellula di un cane contiene una copia degli stessi 78 cromosomi e che sono organizzati all’interno di una cellula con 39 coppie.

I geni recessivi non sono tutti “difettosi”

Le caratteristiche autosomiche non dipendono dal sesso di entrambi i genitori. L’unico fattore è se ciascun genitore è un cane affetto o un portatore non affetto del gene recessivo.

I geni sono sequenze specifiche di materiale del DNA che controllano le caratteristiche degli esseri viventi. Questi geni sono trasportati in posizioni specifiche su ciascun cromosoma.

Ogni cromosoma contiene centinaia (o migliaia) di sequenze geniche che controllano effettivamente l’ereditarietà. Per funzionare, il materiale del DNA su ogni coppia cromosomica deve riunirsi e creare un gene completo. Ciò significa che ogni gene riceve metà del materiale DNA dal padre e l’altra metà dalla madre.

Alcuni tratti ereditati sono tratti semplici. Questi tratti sono controllati da un singolo gene che alla fine si trova su una singola coppia cromosomica.

Come accennato in precedenza, ciò significa che un gene (con metà del suo materiale DNA proveniente dal padre e l’altra metà dalla madre) controlla il tratto ereditato. Altri tratti ereditati possono essere poligenici. Ciò significa che più di una coppia di geni controlla il tratto ereditato.

Le condizioni controllate da un singolo gene rientrano in uno dei quattro pattern di ereditarietà e attraverso l’osservazione scientifica si può determinare se l’ereditarietà è autosomica recessiva, autosomica dominante, dominante legata all’X oppure recessiva legata all’X.

Si noti che il termine “tratto collegato X” (sia in modalità dominante che recessiva) viene utilizzato per riferirsi a una condizione che è collegata a un gene trovato sul cromosoma X. Tutti gli altri tratti di singolo gene sono indicati collettivamente come “autosomici” o non legati al sesso.

L’osservazione scientifica mostra che una condizione genetica segue un modello di ereditarietà autosomica recessiva, questa determinazione implica che la manifestazione della condizione sia controllata dalla presenza di una coppia genetica recessiva.

Affinché un cane sia influenzato dal tratto (esprime effettivamente la condizione) entrambi i cromosomi devono avere lo stesso gene recessivo. Viceversa, se uno dei genitori passa su una copia dominante del gene, allora il soggetto non mostrerà la condizione (ma il cane potrebbe ancora essere portatore della condizione).

Non tutte le condizioni autosomiche recessive sono negative: si pensi ad esempio alla trasmissione del colore.

Ereditarietà autosima recessiva: geni recessivi e dominanti

Le variabili genetiche possono essere quattro (BB, Bb, bB, bb) dove la B grande sta per il gene dominante mentre la b piccola rappresenta il gene recessivo (portatore).

Gli unici cani che mostreranno la condizione autosomica recessiva sono il terzo gruppo, perché questi cani hanno una copia del gene recessivo su entrambi i cromosomi.

I soggetti con bB o Bb saranno in realtà normali nel fenotipo ma possono produrre il tratto recessivo se accoppiati con altri soggetti che portano il gene recessivo. Tutti i labrador che hanno un gene (b) su entrambi i cromosomi sono definiti portatori (carrier) perché non mostrano effettivamente la condizione genetica, ma sono in grado di trasmetterla alla prole.