• Regole e disciplina nel cucciolo di Labrador

    Regole e disciplina nel cucciolo di Labrador

    Alla base di tutto c’è il gioco, ma noi dobbiamo essere interessanti per il cucciolo, altrimenti non riusciremo mai a “ingaggiarlo” e una volta riusciti nell’intento, il cucciolo seguirà i nostri insegnamenti.

    Giocando si impara la disciplina: divertendosi il cucciolo impara prima e le nuove nozioni si sedimentano più radicalmente nella sua mente.

    Volendo educare un cucciolo, una delle cose più difficili in assoluto è ingaggiarlo e, per così dire, essere interessanti per lui.

    Se ciò è semplice nei primi mesi di convivenza con il nostro nuovo amico, data una prima fase di attaccamento affettivo al proprietario, ben presto, in età adolescenziale, inizierà una fase opposta, quella di distacco, in cui il nostro cucciolone, come ogni individuo in crescita, cercherà di affermare il suo carattere e le sue preferenze. …continua

  • Stress del cucciolo e problemi comportamentali

    Stress del cucciolo e problemi comportamentali

    Nasce sempre tutto da una mancanza di leadership!

    Se il cane non ha un leader, un capobranco che gli da regole, serenità, rispetto, esercizio fisico, coccole, e gioco (TUTTO NELLE GIUSTE DOSI) sicuramente andrà incontro a STRESS (problematiche comportamentali).

    L’ansia da separazione è anche una delle più lunghe e delicate da risolvere. Più è stato lungo il periodo con questo problema e più sarà lungo il periodo di recupero.

    Lo stress può nascere anche dal poco esercizio fisico o dalle troppe coccole e attenzioni che il cane riceve oppure dalla mancanza totale di queste. …continua

  • L’importanza del vostro ruolo di capobranco

    L’importanza del vostro ruolo di capobranco

    È importante, a partire dal secondo mese di vita, che il cucciolo trovi il suo posto in una gerarchia. Ha bisogno di una struttura del genere per costruire la propria personalità.

    Questa è la ragione per cui dovete obbligarlo regolarmente a tenere le distanze quando chiede le coccole. Non si può accettare tutto!

    Non cedete sistematicamente ai suoi tentativi, per esempio quando vi porta la palla per giocare. Sappiate rifiutare, in modo che capisca che anche lui deve vivere la sua vita e che, comunque, siete solo voi a decidere qual è il momento giusto per giocare.

    È molto semplice: se gli dite sempre di sì, quando vuole uscire, giocare, mangiare … non capirà che cosa succede il giorno che non potrete farlo.

    Immaginate di rifiutare di giocare con lui perché quel giorno, in quel momento, non ne avete tempo: reagirà male e farà delle sciocchezze perché sarà confuso rispetto alle abitudini che gli avete dato.

    Sin da piccolo deve capire che non siete sempre disponibili per lui, altrimenti ne farete un cane decisamente capriccioso ed esigente. …continua

  • La corretta educazione del cucciolo di labrador

    La corretta educazione del cucciolo di labrador

    Molte persone ci chiedono se un cucciolo di labrador si può educare. Certo che sì, anzi si deve per una corretta convivenza nel branco umano in cui il cucciolo diventa parte integrante.

    Non solo devi educare il tuo cucciolo, ma è essenziale per stabilire delle buone abitudini fin dall’inizio.

    Un cucciolo ha bisogno di regole e coerenza. Fornirgli una corretta educazione è essenziale per una corretta convivenza senza incomprensioni.

    Stabilire una corretta comunicazione cane-proprietario: la coerenza e la corretta lettura ed interpretazione del linguaggio posturale del tuo cucciolo è fondamentale per comunicare efficacemente con lui.

    Insegnargli delle regole di convivenza: inizialmente sarà sufficiente insegnargli il comando “seduto” per avere un cane educato entro certi limiti, ma non sarà sufficiente, bisogna andare oltre! …continua

  • La socializzazione dei cuccioli e cani adulti

    La socializzazione dei cuccioli e cani adulti

    La socializzazione, dopo la fase dell’imprinting, è il periodo fondamentale per il cucciolo.

    In questo periodo infatti il cucciolo di cane verrà messo a contatto con il mondo esterno (persone, animali, bambini, rumori in genere e tutto quello che da adulto potrà trovare intorno a sé).

    A volte con una buona socializzazione, si possono recuperare alcuni errori fatti nella fase dell’imprinting oppure si può recuperare un imprinting assolutamente deficitario. …continua

  • Socializzazione cane e bambino

    Socializzazione cane e bambino

    Il Labrador Retriever per antonomasia è una razza dal carattere socievole con persone e altri animali e se ben selezionato il suo ottimo temperamento ne fa un cane per qualsiasi attività.

    Grazie al suo carattere docile, affettuoso ed affidabile è il cane da compagnia per eccellenza, particolarmente adatto a vivere in famiglia dove ci siano anche dei bambini.

    Ricordatevi però che è pur sempre un cane e potrebbe avere anche dei comportamenti: deve essere rispettata la sua natura. Deve avere attenzioni e regole. …continua

  • Labrador in casa o in giardino?

    Labrador in casa o in giardino?

    Una domanda tra le più frequenti che ci vengono fatte è se il cane deve stare in casa o in giardino.

    Il cane è un animale sociale, ciò significa che la natura lo ha selezionato per vivere in un branco, un gruppo fatto di gerarchie e nel caso della convivenza con gli umani il suo branco è la famiglia.

    Il cane non è “programmato” per vivere da solo!

    Adottare o acquistare un cane, di qualsiasi razza, per tenerlo in giardino, non è una scelta tutelante per l’animale, parlando in termini generali. …continua

  • Educare il cucciolo a fare i bisogni nel posto giusto!

    Educare il cucciolo a fare i bisogni nel posto giusto!

    Spesso alcuni proprietari ci scrivono “Salve, ho un Labrador di quasi 4 mesi e vorrei qualche consiglio: lo porto fuori tre volte al giorno a fare i bisogni e a casa ha la traversina per la pipì, ma puntualmente la fa da altre parti, lo devo sempre seguire e dirglielo in continuazione per andare sulla traversina

    La prima regola da tenere presente è che il cucciolo di labrador non va mai sgridato con urla o peggio ancora con azioni stupide quali ficcare il naso nella cacca o sulla pipì. Inizialmente è importante adeguarsi ai tempi del cucciolo ed essere MOLTO pazienti!

    Devi capire che il cucciolo non è un bambino e non capisce i tuoi discorsi: vai qui… vai là… devi farla qui, ecc… e quello di rapportarci con il cucciolo come se capisse le nostre frasi è un grande errore. …continua

  • Distruzione di oggetti? Come abituarlo per gradi

    Distruzione di oggetti? Come abituarlo per gradi

    Mi ricollego ad un articolo scritto qualche tempo fa che spiegava i motivi per cui un labrador può distruggere oggetti in casa quando non ci siamo spesso individuabile in noia o più raramente come ansia da separazione.

    Oltre a mordere mobili e oggetti, il nostro cucciolo potrebbe iniziare a ululare e abbaiare ripetutamente: questo è un altro sintomo frequente di fobia da solitudine.

    Ricordiamoci sempre che “il mordere” è un’azione del tutto normale: fin da cuccioli i cani sono stimolati a livello sensoriale attraverso la bocca, quindi per loro masticare è l’unica cosa da fare e se da questa azine ricava un’immediato piacere sarà portato a ripetere il gesto ogni volta che qualcosa lo disturba o non lo soddisfa.

    Qual è dunque la ricetta per evitare la distruzione di oggetti quando il cane si trova in casa da solo? …continua

  • Come educare il cucciolo al guinzaglio

    Come educare il cucciolo al guinzaglio

    Qualche giorno fa abbiamo visto come uomo e cane abbiano abitudini diverse in natura e si muovono con differenti obiettivi: l’uomo procede in modo lineare verso una meta mentre il cane adulto o il cucciolo (ancora di più) insegue piste e odori zigzagando, cambiando spesso direzione e aumentando o diminuendo l’andatura.

    La tecnica dello “Stop and Go”

    Tutti questi fattori contrari al corretto camminare al guinzaglio, tanto di origine naturale quanto prodotti da errati processi di apprendimento, possono essere contrastati solo con un progressivo insegnamento fatto di rinforzi positivi  e di interruzioni. …continua

  • Cuccioli in famiglia: l’educazione del bambino

    Cuccioli in famiglia: l’educazione del bambino

    L’apprendimento, la salute, le relazioni sociali, i benefici e il ruolo determinante dei genitori.

    In Italia, crescono le famiglie nelle quali vivono uno o più animali: una percentuale crescente del 70%.

    Il cane, ancora una volta è protagonista di questo cambiamento culturale che porta con sé notevoli benefici ma esige anche impegno e dedizione affinché le relazioni sociali e quelle famigliari siano felici e rispettose del benessere di tutti.

    In particolare, la relazione “bambino – cane” necessita una considerazione approfondita in quanto gli attori in campo sono soggetti vulnerabili, facilmente manipolabili e affidati senza ombra di dubbio alle cure degli adulti che gravitano intorno a loro. …continua

  • Perché il cucciolo fa danni in casa?

    Perché il cucciolo fa danni in casa?

    Scarpe bucate, asciugamani strappati, mobili scheggiati, porte graffiate, divani dilaniati e cuscini spiumati.

    Perché il nostro cucciolo sembra divertirsi a compiere “dispetti” alle nostre spalle? E non soltanto quando rimaniamo fuori di casa, ma anche nei casi in cui, all’interno dell’appartamento, ci troviamo affaccendati a fare altro?

    Come tutti i comportamenti attivati dal cane, anche quelli distruttivi hanno sempre una ragione, fatta di stimoli “attivatori” e di benefici immediati e ciò al di là di credenze e luoghi comuni! …continua

  • A spasso con il nostro Labrador

    A spasso con il nostro Labrador

    Quando pensiamo ad un Labrador l’idea che ci riempie la mente in maniera ed allegra è subito quella di vederlo lavorare, riportare, di vederlo con noi a caccia, in esposizione, di vederlo nuotare come una lontra sul filo dell’acqua e via dicendo…. quindi il nostro cane da lavoro come per selezione naturale dovrebbe essere.

    Però non sempre siamo in campagna o in un ambiente che ci consente di lasciare libero il cucciolo in prati immensi senza pericoli e liberi di poter lavorare con lui.

    Spesso per molti di noi, siamo di fronte alla semplice passeggiata in città… questa però tanto semplice e scontata non è, perché sempre più di frequente capita di vedere di tutto, tranne un labrador che cammina al piede e in maniera felice.

    Il nostro Labrador e la passeggiata sono parte diciamo quasi fissa della nostra giornata, non per tutti, ma per molti che durante la settimana lavorano e dedicano al cane uscite precise nel corso della giornata, sopratutto se non hanno un giardino o se non frequentano spazi aperti per lui o se abitano in città. …continua

  • Educare il cucciolo di labrador a non mordere oggetti e mani

    Educare il cucciolo di labrador a non mordere oggetti e mani

    La tendenza a rosicchiare oggetti e morsare le mani è un fatto naturale per un cucciolo ma è spesso un problema per molti nuovi proprietari di questa razza.

    Da non sottovalutare il fatto che il Labrador Retriever ha un innato e fortissimo istinto di prendere qualsiasi oggetto in bocca e di riportarlo.

    Questa è una delle situazioni più frequenti e visto le tante domande che spesso ci vengono fatte ho pensato di aiutarvi con qualche suggerimento per riuscire a togliere al cucciolo questa cattiva abitudine il prima possibile. …continua

  • Insegnare a non tirare fin da cucciolo

    Insegnare a non tirare fin da cucciolo

    Di solito questo problema si manifesta già quando il Labrador è cucciolo ed è una naturale abitudine del piccolo.

    Il problema è che molti proprietari inesperti ritengono questo comportamento una normalità e non lo prendono con la dovuta importanza, sottovalutando che il cucciolo in pochi mesi diventerà un cane adulto di oltre 30/35 Kg.

    Spesso vedo proprietari che portano a spasso il cane come fosse il sacco del patume, perchè il cane una volta viene portato a destra, un’altra a sinistra e precede sempre il proprietario. …continua

  • Allevare un cucciolo è l’inizio di una magnifica amicizia

    Allevare un cucciolo è l’inizio di una magnifica amicizia

    Il cucciolo non è fatto per vivere da solo, è un animale abituato a stare in branco e ora il suo branco è la vostra famiglia.

    Inizialmente dovrete essere voi ad adattarvi ai suo ritmi e necessità, questo vi permetterà di conoscerlo e comprenderlo e vi darà la possibilità di abituarlo ai vostri ritmi ed esigenze pure nel rispetto dei suoi bisogni.

    In questo articolo cercheremo di darvi consigli e suggerimenti per il suo inserimento, crescita, alimentazione, cura ed educazione. …continua

  • Relazionarci con il cucciolo: gli errori da non commettere!

    Relazionarci con il cucciolo: gli errori da non commettere!

    Un cane assume il ruolo di “leader” se tutto il gruppo familiare gli invia segnali uguali fra loro in questo senso.

    Questi messaggi sono prima di tutto di ordine relazionale come:

    • Essere tutti rivolti verso il cucciolo;
    • Se il cane è al centro della nostra attenzione;
    • Se lo “omaggiamo” con rituali tutte le volte che torniamo a casa;
    • Se è il cane a decidere quando si fa una certa cosa e quando si finisce;
    • Siamo pronti a seguirlo dove vuole lui quando siamo all’aperto;
    • Lo assecondiamo in ogni attività che propone. …continua
  • Chi è il capobranco Voi o lui?

    Chi è il capobranco Voi o lui?

    Quando un cucciolo entra nella nuova famiglia cerca di posizionarsi a un livello sociale in funzione di diversi fattori ereditari e ambientali, e per una felice convivenza, è bene stabilire da subito quali sono i ruoli all’interno del gruppo.

    Il mondo dei cani è fatto di collaborazioni e le relazioni all’interno del gruppo sono regolate da distribuzione dei compiti, specializzazioni, schemi di azioni ben definite dove è indispensabile assumere un ruolo preciso. …continua

  • Educare al cibo: 10 regole per il tuo Labrador

    Educare al cibo: 10 regole per il tuo Labrador

    L’arrivo di un cucciolo nella sua nuova casa e all’interno di un nuovo branco (famiglia) è un evento molto importante sia per il cane che per il gruppo sociale in cui si inserisce.

    Tuttavia, l’integrazione di un animale nell’ambiente domestico non è sempre facile e se si desidera avere un legame felice con il proprio cucciolo ci sono alcune regole molto importanti da ricordare. …continua

  • Il linguaggio del cucciolo

    Il linguaggio del cucciolo

    L’uomo si relaziona 24 ore su 24 con altri essere umani ed è spontaneamente portato ad interagire anche con il cane allo stesso modo, utilizzando spesso un “linguaggio umano” alterando la comunicazione (uomo e cane utilizzano due linguaggi completamente diversi).

    L’errore più frequente è quello di relazionarsi con il cane come se questo fosse un bambino, tanto più se il cane è un cucciolo, ma il cucciolo non è un bambino!  Il linguaggio del cane è uguale a quello di un bambino fino agli 8 mesi di vita, apprende solo per associazione per tutta la vita. …continua

  • Insegnamento di alcuni comandi di base

    Insegnamento di alcuni comandi di base

    Ci sono alcuni comandi che portano grandi benefici alla vita del vostro cucciolo, alla sua sicurezza, alla sua autostima e alla vostra qualità di vita insieme. Avere un cane sotto controllo significa potersi permettere di portarlo ovunque senza temere figuracce o che la sua presenza sia d’intralcio o d’impedimento.

    Soprattutto nelle prime uscite, cercate di non “portarvelo dietro”, ma dedicategli il vostro tempo. Se nell’uscita pensate solo a chiaccherare con amici o ascoltare musica con le cuffie, il vostro cucciolo tirerebbe al guinzaglio facendosi i fatti suoi, annusando in giro per il marciapiede, zizzagando a destra e sinistra. …continua

  • Il labrador più viziato del mondo

    Il labrador più viziato del mondo

    Molto spesso i labrador vengono viziati dai loro padroni e non è facile far capire a quest’ultimi che un cane deve stare al suo posto.  Molti cani per questo motivo non sanno rispettare nemmeno i momenti di intimità dei padroni o un pranzo con gli amici.

    La colpa è solo di noi padroni! Perché accettiamo i comportamenti sbagliati dei nostri amici a quattro zampe? Deve essere bandito il letto e il tavolo. La verità è che se trattiamo un labrador come un bambino e lo viziamo gli facciamo del male. …continua

  • Il padrone ideale

    Il padrone ideale

    Il mio padrone ideale è colui che sa anteporre al bisogno di un cucciolo, il desiderio di un cucciolo. Qual è la differenza? Chi mi vuole solo per fare un regalo, mi deve trovare già pronto al 60 giorno di vita, della sfumatura crema né più chiara né più scura… ecco il padrone che non sa aspettare, che non ha pazienza… il padrone ideale invece si prepara, si documenta a fondo sulle razze canine e solo dopo essersi documentato sceglie me. …continua

  • Crescere un cucciolo sano

    Crescere un cucciolo sano

    In questo articolo tratteremo il gioco, l’alimentazione e l’esercizio fisico, il guinzaglio e infine…. Il bagno! Cose semplici che però devono essere eseguite nel modo giusto per crescere il nostro labrador in modo sano e felice.

    Il gioco costituisce per il cane un elemento fondamentale, tanto più riuscirai a giocare con il tuo labrador tanto più sarà speciale il rapporto che avrai con lui. Con il gioco infatti potrai sviluppare tutte quelle abilità che il cane ha già ma che devono essere tenute in costante allenamento come l’udito, l’olfatto, la ricerca ecc… …continua

  • Comunicare con il tuo cucciolo di labrador

    Comunicare con il tuo cucciolo di labrador

    E’ facile capire le espressioni del nostro cucciolo di labrador, basta osservare attentamente le orecchie e lo sguardo, vediamo qualche esempio:

    • il cucciolo di labrador guarda in basso ed è sfuggente. E’ un segnale di timidezza che può diventare vera e propria paura
    • il cucciolo ci guarda scodinzolando e inarca la schiena abbassando gli arti anteriori, vuole dirti semplicemente “Dai gioca con me!
    • il cucciolo di labrador ha uno sguardo fisso e fa un leggero brontolio, magari drizza il pelo, è un tipico segnale di minaccia
    • il cucciolo non ci guarda, i suoi occhi sono assenti, può esserci qualche patologia in corso sia di carattere organico che nervoso e si consiglia pertanto una visita dal veterinario.
  • Il cucciolo sporca in casa

    Il cucciolo sporca in casa

    Questo comportamento generalmente avviene appena introduciamo il nostro piccolo cucciolo di labrador in casa.

    Sporcare dentro o fuori casa per il cucciolo non fa alcuna indifferenza, in più è convinto di farci un bel regalo, pertanto il cucciolo va educato e deve imparare che la cacca si può fare solo fuori casa.

    Se il problema dovesse persistere, abbiamo due cause: la prima non siamo stati in grado di educarlo, la seconda il cucciolo è ammalato e non riesce a trattenersi. A volte il cucciolo viene preso troppo presto e non è in grado di trattenere i bisogni quindi attenzione ai mesi di vita del cucciolo, non possiamo pretendere troppo! …continua

  • Il cucciolo di Labrador al guinzaglio

    Il cucciolo di Labrador al guinzaglio

    La prima cosa da dire è che non tutti i labrador reagiscono allo stesso modo nel momento in cui infilate nella sua testa il collarino e attaccate un guinzaglio per cani.

    Un esempio: KYRA mordeva il guinzaglio e tirava indietro, AFRICA invece ha camminato subito al nostro fianco senza problemi. …continua

  • Addestrare il tuo Labrador

    Addestrare il tuo Labrador

    L’addestramento e l’educazione del Labrador Retriever, cominciano da cucciolo.

    La sua educazione, deve essere costante ma equilibrata, e fornire al Labrador le nozioni di base che gli consentano di vivere tranquillamente in casa o comunque a contatto con persone, eseguendo una serie di ordini essenziali. …continua

  • Viaggiare con il tuo labrador

    Il labrador non è uno di quei cani che continua a muoversi e scodinzolare in auto, a proposito quando scendi per una sosta ricordati che c’è in macchina e lascia aperto un po’ il finestrino soprattutto d’agosto ed evita di parcheggiare al sole. …continua

  • In macchina con il tuo labrador

    In macchina con il tuo labrador

    E’ meglio che tu avvisi l’allevatore dicendo la data in cui andrai a prendere il cucciolo perché deve tenerlo a digiuno prima di affrontare il viaggio verso la nuova famiglia.

    Porta con te comunque canovacci, stracci, o giornali o un pannolino nel caso in cui dovesse avere il mal d’auto. Ti consigliamo inoltre di dargli dell’acqua fresca nel caso in cui faccia molto caldo e una scodella per bere. …continua