L’eclampsia conosciuta anche come ipocalcemia postpartum, pocalcemia perperale, tetania perperale o febbre lattea, è una condizione pericolosa che può mettere a rischio la vita della mamma dei cuccioli e che si verifica nelle femmine che allattano a causa dei bassi livelli di calcio nel sangue.

Questa forma di ipocalcemia acuta solitamente si verifica entro le prime due o tre settimane dalla nascita dei cuccioli, in un periodo in cui viene richiesto un grande quantitativo di latte e di conseguenza una grande richiesta di calcio per soddisfare le esigenze nutrizionali dei cuccioli.

Leggi anche: Setticemia neonatale nei cuccioli: degenerazione sistemica

Quali sono le cause dell’eclampsia?

Si ritiene che la causa dell’eclampsia nelle femmine che allattano sia associata a una perdita di calcio dovuto allo sviluppo scheletrico dei feti durante la gravidanza e / o alla perdita di calcio nel latte durante l’allattamento.

Grandi richieste di latte durante l’allattamento possono peggiorare l’ipocalcemia, quindi, una femmina di piccola taglia ma anche grande con una cucciolata numerosa è più a rischio, tuttavia l’eclampsia può verificarsi in qualsiasi soggetto dopo la gravidanza.

Leggi anche: Palatoschisi: uno dei difetti congeniti più comuni riscontrati nei cuccioli

Eclampsia: sintomatologia

I segni in una femmina che sta allattando sono il risultato diretto dell’ipocalcemia e possono manifestarsi anche prima, durante la gravidanza o dopo la nascita dei cuccioli durante l’allattamento.

Ansimare e irrequietezza sono i primi segni da cercare: alcune femmine svilupperanno lievi tremori, spasmi muscolari con un’evidente rigidità nei movimenti. Possono esserci frequentemente pianti, salivazione eccessiva, stimolazione e disorientamento.

L’ipocalcemia durante la gravidanza può rallentare la progressione del travaglio: i bassi livelli di calcio in una femmina causano debolezza, distocia e parto inefficace dei cuccioli.

Terapia per ipocalcemia

L’ipocalcemia è pericolosa per la vita della mamma ed è imperativo che qualsiasi femmina sospettata di avere l’eclampsia venga immediatamente portata dal veterinario.

I trattamenti che il veterinario somministrerà dipendono dal grado di ipocalcemia. L’obiettivo del trattamento è riportare il livello di calcio nel sangue alla normalità.

Il trattamento di emergenza è la somministrazione di una soluzione contenente calcio per avere immediato effetto, monitorando attentamente la frequenza cardiaca e il ritmo.

La femmina potrebbe dover essere ricoverata in clinica a seconda della gravità iniziale dell’ipocalcemia e della risposta al trattamento.

I cuccioli di una femmina con ipocalcemia dovrebbero essere allontanati dalla madre per 24-36 ore, o fino a quando non sarà tornata alla normalità. Durante questo periodo i cuccioli possono essere nutriti con latte artificiale.

Se la mamma si riprende ma poi soffre di un episodio ripetuto di eclampsia, i cuccioli dovrebbero essere rimossi da lei in modo permanente e nutriti artificialmente fino a quando non possono passare al cibo solido.

Il veterinario può prescrivere un’integrazione orale di calcio da somministrare alla mamma dopo una crisi acuta per il resto del periodo di allattamento.

Questi integratori non saranno utili in una crisi ipocalcemica acuta poiché possono essere necessarie fino a 24 ore affinché il calcio venga assorbito quando somministrato.

Leggi anche: Parvovirus nei cuccioli: cause, sintomi e cure

Come prevenire l’ipocalcemia

L’utilizzo di integratori di calcio nella dieta della femmina in gravidanza non è raccomandato: questo può predisporre allo sviluppo di eclampsia durante l’allattamento.

Un’alimentazione di alta qualità, nutrizionalmente equilibrata e appropriata durante la gravidanza e l’allattamento è fondamentale per aiutare a prevenire episodi di ipocalcemia.

Anche l’alimentazione supplementare dei cuccioli con un sostituto del latte nelle prime settimane di allattamento può aiutare a ridurre lo stress della mamma.

Con un trattamento tempestivo dell’eclampsia, la prognosi per il recupero è generalmente eccellente.

Tuttavia, le femmine che sviluppano l’eclampsia hanno maggiori probabilità di svilupparla di nuovo con le future cucciolate.

Leggi anche: Piometra nel cane: sintomi e cure

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *